Dior: per il flagship più grande sceglie Taipei

Grand opening, venerdì scorso, per un monomarca Dior che, con i suoi circa 1.900 metri quadri su due livelli, è il più grande della griffe a livello mondiale: il negozio (nella foto) si trova a Taiwan, nello Hsin-Yi District, all'interno del grattacielo Taipei 101, considerato il più alto del mondo dal 2004 al 2010, quando i suoi oltre 500 metri sono stati battuti dagli 800 del Burj Khalifa di Dubai.
Alla cerimonia hanno partecipato numerosi vip, compresa la protagonista del nuovo film "The Lady". La boutique, progettata da Peter Marino, si presenta come una sintesi tra l'estetica del 18esimo secolo e il gusto contemporaneo, grazie anche alla presenza di opere di artisti come Terence Koh, Claude Lalanne, Not Vitale e Véronique Rivemale.
Celebrato con una sfilata e un concerto di Sandy Lam, che ha mixato brani orientali e anglosassoni, il flagship fa parte di un più ampio piano di espansione di Dior in Asia, in vista di possibili avamposti in Paesi come il Vietnam e l'Indonesia. E non è un caso se, come riporta il sito wwd.com, per il primo show non parigino dedicato all'haute couture, in programma il mese prossimo, sia stato scelto il Bund di Shanghai.
Presente all'evento di Taiwan, il ceo Sidney Toledano non ha potuto sottrarsi alla classica domanda: "A quando il nuovo direttore creativo?". Ancora una volta la risposta ai giornalisti è stata vaga: "Al momento giusto lo saprete. Comunque non va dimenticato che a parlare è sempre il brand, attraverso il prodotto, e che il lavoro che c'è dietro equivale a quello di un'orchestra".
a.b.
stats