Dior: si allontana l'ipotesi Jacobs

Le trattative tra Christian Dior e Marc Jacobs, la cui nomina a direttore creativo al posto di John Galliano era data quasi per certa pochi mesi fa, sarebbero giunte a un binario morto. Tornano alla ribalta altri candidati, tra cui Alexander Wang, Raf Simons e Jason Wu in pole position e, in seconda battuta, Riccardo Tisci.
Secondo wwd.com - che lo scorso agosto ha lanciato per primo l'ipotesi Jacobs e ora fa un passo indietro - uno dei motivi del cambio di rotta dei vertici di Dior sarebbe la richiesta del designer americano di portare con sé nella nuova avventura i collaboratori che attualmente lo affiancano in Louis Vuitton, una mossa che danneggerebbe il brand. Inoltre Phoebe Philo, ritenuta la più adatta a succedergli nel suo attuale ruolo, non starebbe "sgomitando" e, anzi, preferirebbe restare dov', alla guida stilistica di Céline. Il sito americano riporta, tra l'altro, una frase del 2003 del patron di Lvmh, Bernard Arnault: "Se avessi dato le redini di Dior a Jacobs e di Vuitton a Galliano - disse - le cose per entrambi i marchi non sarebbero andate così bene. Eppure si tratta di personaggi geniali".
Comunque, pare che a Jacobs stiano a cuore anche altre gratificazioni, decisamente meno impegnative e più ludiche: un suo "alter-ego", Muscle Man Marc, è stato infatti inserito nei recenti episodi di South Park e lui ha ricambiato affermando di non essersi mai sentito così onorato. "Ora potrei morire contento", ha ironizzato, rivelando che due tra i suoi numerosi tatuaggi riguardano proprio Clyde Frog e Rumpletumskin - i due pupazzi dai quali uno dei protagonisti, Eric Cartman, non si separa mai - e che il prossimo non potrà che essere l'aitante Muscle Man Marc.
a.b.
stats