Dividendi: Luxottica ci ripensa

Lo scorso marzo, con l'approvazione del bilancio 2008 chiuso con un utile netto in calo del 17,6%, aveva annunciato di non ritenere opportuna la distribuzione del dividendo. Ora, invece, il leader dell'occhialeria Luxottica ci ripensa: dopo le soddisfacenti performance nei primi otto mesi dell'anno intende staccare una cedola, a favore degli azionisti, di 0,22 euro per azione.
La proposta sarà sottoposta all'ok dell'assemblea il 29 ottobre (30 ottobre in seconda convocazione). Il monte dividendi complessivo supererà i 100 milioni di euro.
“I buoni risultati conseguiti da Luxottica nei primi otto mesi dell'anno e la forte generazione di cassa, che nel solo secondo trimestre è stata di 260 milioni di euro, ci hanno permesso di rendere ancora più solido il nostro stato patrimoniale e di guardare alla fine dell'anno con maggiore serenità - ha commentato il ceo Andrea Guerra -. Riteniamo quindi opportuno, a questo punto, rendere partecipi i nostri azionisti, che hanno creduto in Luxottica anche durante un anno impegnativo come il 2009, dei risultati della società”.
Da oggi, inoltre, parte un programma di acquisto di azioni proprie che prevede il passaggio di 6.434 quote dalla controllata Arnette Optics Illusions al gruppo bellunese (operazione sostanzialmente neutra dal punto di vista economico e patrimoniale). In più, alla prossima riunione dei soci, sarà chiesto il rinnovo dell'autoirizzazione all'acquisto di azioni proprie (il precedente “performance share plan scadrà il 13 novembre) per un massimo di 18,5 milioni di titoli (3,99% del capitale della società) e di 370 milioni di euro.
Luxottica ha chiuso il 2008 con ricavi pari a 5,2 miliardi di euro (+4,7% sul 2007) e un utile netto a 395 milioni di euro (-17,6%). Nel primo semestre del nuovo esercizio le vendite sono scese a 2,7 miliardi (-1,4%), mentre i profitti sono diminuiti del 17% a 196,1 milioni.
e.f.
stats