Domani l’esordio della prima collezione uomo Gilles Rosier

Debutta domani in via Borgonuovo 12 la prima collezione maschile di Gilles Rosier, nata dalla partnership tra il Gruppo Miroglio e il creatore francese. Questa operazione rappresenta il primo passo verso l’espansione del brand, dopo l’esordio della linea donna lo scorso febbraio.
Rosier ha preso spunto dal circolo letterario studentesco “Living Poets Society”, per evocare un’immagine maschile disinvolta, che mescola con levità capi tradizionali e sportivi, rivisitando gli archetipi del vestire maschile: la polo, la camicia, lo smoking, il blazer, la giacca college, il giubbotto alla marinara, il pantalone chino, il jogging.
Decorazioni militari e stemmi del college vengono rivisti, diventando simboli di una nuova estetica. L’aspetto è volontariamente disordinato e “trasandato”, ma sempre elegante. Giochi di asimmetrie, ottenuti grazie a trucchi di pressione e di abbottonatura, trompe d’oeil di false sovrapposizioni, tessuti lavati e sovratinti, accentuano l’idea di scioltezza.
I materiali prediligono il lino a coste lavato, il denim a macchie decolorate e usurate, il cuoio morbido lavato e tinto, il piqué di cotone, il voile a coste ricamato a giorno.
Nei colori predominano il bianco e falsi bianchi accostati a una paletta di cromie polverose e delicate: gesso, beige chiaro, blu acqua, rosa tè e, a contrasto, nero, marine, beige militare, bordeaux, kaki.
La collezione sarà disponibile nello showroom Gilles Rosier di Milano, in via Borgonuovo 12, e in quella di Parigi, durante i canonici periodi dedicati alla moda uomo.
Miroglio, che ha chiuso il 2003 con un fatturato di 900 milioni di euro ed è già proprietaria di quindici marchi d’abbigliamento femminile - tra cui Caractère, Motivi, Elena Mirò ed altri - entra per la prima volta con questo progetto nel mercato maschile.
c.mo.
stats