Donatelli a Parigi: preoccupazioni sul distretto biellese

Luciano Donatelli, presidente degli industriali di Biella e vice presidente della Confindustria del Piemonte, artefice del rilancio di Romeo Gigli con la nuova collezione Io Ipse Idem, ha ribadito stamattina, a margine della sfilata, che la situazione nel biellese rimane molto preoccupante.
Chiude un’azienda al giorno e quello che accade nel tessile, a monte, la dice lunga su cosa si potrà abbattere a valle. “Sugli ordini per l’autunno-inverno prossimo siamo a -40%, ma il picco negativo a livello industriale lo vedremo a fine aprile - ha dichiarato Donatelli -. Attendiamo perciò con molta ansia i provvedimenti del Governo e il prossimo incontro del 15 marzo.
Si discuterà di tutte le possibili strade per uscire dalla crisi: dal consolidamento del credito alla possibilità di defiscalizzare gli investimenti, dall’uso dell’assicurazione sui crediti come finanziamento, alla cancellazione dell’Irap per chi non delocalizza. E, infine, la compensazione dell’Iva.
“Sia chiaro, la fiducia può ripartire solo dal manifatturiero”, ha concluso l’imprenditore, aggiungendo che da parte delle istituzioni c’è l’attenzione che il settore si attende. Del resto, erano stati proprio gli industriali del biellese a pubblicare di recente su sette quotidiani un’intera pagina, un grido d’allarme e una richiesta esplicita di intervento a favore del settore.
l.se.
stats