DuPont: archivia il primo trimestre in positivo e si prepara alla cessione di Invista

Primo trimestre 2004 positivo per DuPont: nei tre mesi il 31 marzo, il colosso chimico Usa ha riportato un utile netto di 668 milioni di dollari, con un +24,9% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Le vendite sono progredite del 15,2%, a quota 8,07 miliardi di dollari contro i 7 miliardi dell’anno precedente. Intanto si avvicina la data della cessione della divisione Invista a Koch: il 30 aprile.
Una vendita, quella della divisione tessile Invista, che DuPont ha voluto anticipare – era prevista inizialmente per giugno – per disporre il prima possibile della somma pattuita con Koch per la cessione: 4,1 miliardi di dollari (incluso un debito di circa 270 milioni di dollari, preso in carico dall’acquirente), una cifra più bassa di quella accordata in un primo momento, in modo da accelerare le procedure. Infatti, nonostante la buona performance registrata nel primo trimestre, ai responsabili di DuPont non manca qualche grattacapo, generato in particolar modo dalla competizione serrata con l’altro colosso “made in Usa”, Dow Chemical. Un “testa a testa” in nome del quale DuPont taglierà anche migliaia di posti di lavoro (vedi fashionmagazine.it del 13 aprile scorso).
A proposito di Invista, questa unit – come riporta il sito dnrnews.com - ha archiviato il trimestre con un +9,7% nelle vendite, passate da 1,72 a 1,88 miliardi di dollari.
Gli oneri legati all’imminente passaggio della divisione a Koch hanno causato a DuPont, sempre secondo dnrnews.com, una perdita operativa di 195 milioni di dollari, che altrimenti non si sarebbe verificata: anzi, si sarebbe avuto un utile operativo di 150 milioni di dollari, contro i 5 milioni di un anno prima.
a.b.
stats