Eccellenza, salute e ritorno ai valori concreti i temi affrontati alla conferenza inaugurale di Filo

Alla presenza di Luciano Donatelli, presidente della fondazione “Biella The Art of Excellence”, Daniele Cordero di Montezemolo, ideatore e presidente di Twin D.d.m. nonché esperto di marketing strategico e Mauro Rossetti, alfiere dell’Associazione Tessile e Salute, si è aperto questa mattina al Centro Congressi Le Stelline di Milano il salone internazionale dei filati per tessitura e tessili tecnici Filo, arrivato all’edizione numero 30. Temi del dibattito: qualità, sostanza e una grande attenzione alla salute.
“Filo è ormai uno dei fiori all’occhiello del settore per la crescita costante di aderenti in numero, ma soprattutto in qualità e per una presenza sempre più importante di espositori stranieri che fanno di questo salone il terreno per una sana competizione internazionale, secondo un codice etico totale e assoluto, che nel tempo ci darà ragione di queste scelte puntate al top”. Luciano Donatelli apre con queste parole la 30esima edizione di Filo, organizzata da AssoServizi Biella e orientata a rimarcare a industriali ed espositori presenti l’importanza di non cedere in tensione verso la qualità sia dal punto di vista di fibre e filati, che da quello della tecnologia e della ricerca.
Occhi rivolti quindi agli sforzi delle diverse associazioni del settore per ottenere la trasparenza di tutta la filiera. A questo proposito Gianfranco De Martini, consigliere di Italian Textile Fashion - organismo di coordinamento per lo sviluppo del settore moda - ha preso la parola per aggiornare sull’importante progetto di tracciabilità ITF appena presentato a Bruxelles e di cui solo l’Italia, finora, ha una struttura pronta a operare con l’obiettivo di eseguire 20 mila controlli entro il 2009.
Secondo Montezemolo, il timore e la preoccupazione con cui negli ultimi anni si è guardato al boom dei mercati asiatici ha fatto perdere di vista i valori e la sostanza del Vecchio Continente: “Bisogna tornare ai fondamentali, riportarli al centro del nostro operare quotidiano, perché la loro solidità ci ha permesso di diventare i numeri uno nel mondo dal dopoguerra in poi - ha dichiarato -. È necessario puntare sul made in Italy che ci distingue. Non dobbiamo giocare secondo le regole degli altri, ma portarli a giocare secondo le nostre”.
Montezemolo ha sottolineato il fatto che in Italia ci si dimentica spesso di avere alle spalle duemila anni di cultura e di storia da cui derivano fantasia, amore per il bello, per la qualità e la ricerca: valori esclusivi e non combrabili da nessuno. Ricorda però che abbiamo anche una grande penalità: siamo geniali, ma molto individualisti, mentre dobbiamo capire che l’unione fa la forza.
Agli aggettivi “bello” e “buono”, durante la conferenza si è aggiunto anche il “sano”: l’intervento di Mauro Rossetti ha infatti evidenziato il diritto del consumatore di sapere cosa sta indossando, per poter così ridurre le tante allergie e patologie dermatologiche sopraggiunte negli ultimi anni e legate a sostanze tossiche utilizzate durante le lavorazioni dei filati. “Oggi il lusso è anche potersi porre queste domande, ma soprattutto avere delle risposte”, dice. Risposte che l’Associazione Tessile e Salute, con un progetto finanziato dal Ministero della Salute, sta cercando di dare. L’obiettivo è quello di far applicare il Reach, nuovo regolamento europeo che disciplina la produzione e l’immissione sul mercato di sostanze chimiche. In questo modo, quelle non più utilizzabili in Europa dovranno essere bandite anche nei tessili d’importazione, combattendo la concorrenza sleale e garantendo la salute del consumatore.
“A conti fatti - conclude Donatelli - siamo un Paese trasformatore: l’eccellenza del manifatturiero sarà un valore sempre più imprescindibile per il buon andamento del settore”.
La forte spinta all’innovazione che caratterizza Filo lo ha fatto diventare un punto di riferimento sicuro nel panorama internazionale, tanto che il numero degli espositori è cresciuto del 12% rispeto all’edizione del 2007. Il prossimo appuntamento sarà il 18 e 19 marzo 2009.
e.b.
stats