Emilio Pucci debutta a Shanghai, mentre Dundas è dato come papabile per il dopo Williamson

A tre mesi dall’inaugurazione del negozio di Hong Kong, Emilio Pucci apre la sua prima boutique nella Cina continentale a Shanghai: uno spazio di 110 metri quadrati all’interno del Citic Square Mall, all’incrocio tra Nanjing West Road e Jiangning Road. Mentre insistenti voci in arrivo da Londra danno Peter Dundas come successore di Matthew Williamson alla guida stilistica della griffe.
Peter Dundas, lo ricordiamo, è stato direttore creativo di Ungaro fino all’estate 2007. In precedenza ha lavorato all’interno dei team stilistici di Roberto Cavalli, Jean Paul Gaultier e Christian Lacroix.
Quanto al nuovo negozio Pucci di Shanghai, l’elemento di spicco è l’ampia vetrina che corre su tutta la lunghezza della facciata. Nanjing West Road è considerata una delle vie più eleganti dello shopping in Cina. Si estende, infatti, per sei chilometri, ospitando i monomarca di numerosi altri marchi internazionali del lusso.
Rifacendosi al concept dei punti vendita già avviati, l’arredamento color acqua scelto per Shanghai è valorizzato da un tappeto realizzato a mano con stampe della griffe e da una poltrona coordinata Cappellini. Una luce soffusa si irradia dalle pareti, caratterizzate da pannelli in tessuto retroilluminato.
Le stampe, trademark del marchio, hanno un ruolo chiave nel nuovo spazio ed evocano, grazie alla ricchezza dei cromatismi, la luce e i paesaggi del Mediterraneo.
Il negozio, progettato da Vudafieri Partners e curato per l’aspetto dell’illuminazione da Walter Amort, è gestito da Imaginex Group.
e.a.
stats