Erreuno riparte con Sonia Speciale

Ottica di rilancio per Erreuno: dall’autunno-inverno 2004-2005 la responsabile stilistica sarà Sonia Speciale, designer bergamasca di 37 anni già artefice di una propria linea di prêt-à-porter. Ma si profilano altre novità.
Infatti il quartier generale della griffe si è trasferito da Milano a Buccinasco, alle porte della metropoli lombarda, dove si concentrano ora gli uffici commerciali, il marketing, la comunicazione, la modellistica e l’ideazione della linea. Invece la produzione - come informa il titolare (nonché vice-presidente della Camera Nazionale della Moda) Ermanno Ronchi - viene realizzata in outsourcing, "in modo da puntare da un lato su una nuova scelta stilistica e, dall’altro, calmierare i costi esasperati e spesso ingiustificati del mercato dell’abbigliamento".
Tutta la famiglia Ronchi è in pole position nella svolta: infatti la figlia di Ermanno, Pamela Ronchi, diventa responsabile delle strategie di comunicazione aziendale e il figlio Riccardo, che attualmente lavora negli uffici di uno stilista italiano a Los Angeles, avrà in futuro un ruolo nell’ambito creativo. La direzione stilistica va comunque nelle mani di Sonia Speciale, scelta perché "ha dimostrato di avere ottime capacità imprenditoriali" oltre che artistiche, visto che la collezione che porta il suo nome è commercializzata attraverso 250 punti vendita in Italia e all’estero, con un’attenzione particolare a territori consolidati come gli Usa, ma anche in espansione come gli Emirati Arabi ed emergenti come l’Australia.
"L’obiettivo del sodalizio con Sonia – si legge in una nota – è incontrare il gusto di una consumatrice più giovane, in cerca di un look raffinato ma meno carico del pot-pourri di tendenze che contaminano eccessivamente il mercato, creando confusione e non qualità". Sonia Speciale prende il posto di Marco Bignù.
a.b.
stats