Escada: primi frutti della riorganizzazione

Nel terzo trimestre, chiuso lo scorso 31 luglio, Escada ha portato avanti le vendite del 3,7% rispetto all’analogo periodo 2003, totalizzando 144,9 milioni di euro. La perdita netta è passata da 44,1 a 2,4 milioni di euro.
Il programma di taglio dei costi in atto - nell’ordine di 31,9 milioni di euro calcolati a fine luglio, una cifra che dovrebbe salire a 40 milioni di euro prima della fine del 2004 - sta dunque dando i suoi frutti. Il margine operativo lordo ha raggiunto gli 8,7 milioni di euro, dopo una perdita di 10,4 milioni di euro nello stesso periodo dell’anno precedente.
Considerando i nove mesi, le vendite hanno registrato un +1%, superando i 450 milioni di euro, e l’utile netto è stato di 800 mila euro contro la perdita netta di 51,5 milioni nel gennaio-settembre 2003.
Malgrado il fatto che l’ex sussidiaria Feraud GmbH sia andata in bancarotta, il gruppo prevede per l’anno in chiusura il 31 ottobre vendite stabili, con un sostanziale miglioramento degli utili.
si
stats