Esprit a Hong Kong guarda al futuro con il design di Sottsass

Si ispira al concept "Back to the Future" lo store che Esprit ha appena aperto in Peking Road a Hong Kong. Lo spazio si ispira al leggendario design del Memphis Group di Ettore Sottsass, opportunamente interpretato in chiave contemporanea e cosmopolita, traendo ispirazione dall’identità e dalla varietà dei prodotti Esprit.
La facciata, di oltre 1.000 metri quadri, copre i lati scoperti del building con tre pannelli orizzontali. Progettata dallo studio di architettura Corneille Uedingslohman di Colonia, dà vita a un effetto inedito: i pannelli sono in metallo brunito, con fori ad intervalli regolari in cui sono inseriti 24mila dischi di vetro, retroilluminati con led a controllo autonomo. Si crea in questo modo una sorta di display interattivo, che di sera colpisce per la sua luminosità mentre di giorno riflette l’ambiente circostante, grazie a un effetto a specchio.
All’interno, strutture d’impatto e interazione sono gli elementi che definiscono l’ambiente. I motivi ripresi dal Memphis design sono molteplici e vengono proposti usando un codice colore che richiama i primi design Esprit, pur in tonalità più tenui, calme e raffinate. Un attento visual merchandising permette inoltre di ottenere effetti scenici intensi. L’aspetto futuristico è controbilanciato da dettagli hand made, come l’uso della quercia grezza.
Nell’esercizio 2008/2009 (chiuso il 30 giugno scorso) Esprit Holdings Limited ha generato, a livello internazionale, un fatturato di circa 3,1 miliardi di euro. Gli utili netti sono aumentati a circa 428 milioni di euro. Il Gruppo gestisce, a livello internazionale, più di 800 punti vendita diretti e distribuisce i suoi prodotti attraverso oltre 14mila centri all’ingrosso. La società possiede una superficie di vendita di oltre 1,1 milioni di metri quadrati in più di 40 Paesi.
m.g.
stats