Estée Lauder chiude il trimestre con un crollo degli utili

Fatturato in crescita, grazie soprattutto alle vendite sui mercati asiatici, ma utili in discesa per Estée Lauder, che nel terzo trimestre (chiuso il 31 marzo 2006) ha riportato un progresso del 3,5% del giro d’affari e un calo del 44% dei profitti rispetto allo stesso periodo di un anno fa.
La stessa forbice tra ricavi e utili si è registrata nei primi nove mesi dell’anno fiscale in corso: i primi sono aumentati del 2%, salendo a 4,86 miliardi di dollari, mentre i secondi sono passati da 343 milioni di dollari di un anno fa a 275,4 milioni.
Tornando ai risultati del terzo trimestre, il colosso americano della cosmesi ha riportato un turnover di 1,58 miliardi di dollari (contro gli 1,53 dello stesso periodo nel 2005), mentre i profitti sono stati pari a 63,2 milioni (107,6 nel terzo quarter dello scorso anno.
A crescere di più, in termini percentuali, è stato il settore della cura dei capelli, ma la parte del leone, per fatturato, rimane al comparto Skin Care, con 611 milioni.
Le stime per l’esercizio fiscale 2006 prefigurano una crescita di circa il 3% nelle vendite.
g.m.
stats