Etam cresce e la fabbrica Lejaby si riattiva: la lingerie in Francia sfida la crisi

Pensa positivo la lingerie francese: Etam, colosso da 1,184 miliardi di euro di fatturato, prevede per il 2012 un aumento delle vendite sui suoi mercati di riferimento, la Francia e la Cina. Mentre lo stabilimento Lejaby di Bourg-en-Bresse si rimetterà presto in attività per la produzione del nuovo marchio Monette, creato dall'ex responsabile di Princesse Tam Tam, Assya Hiridjee.
Malgrado la congiuntura - secondo l'Institut Français de la Mode, il mercato dell'intimo in Francia ha conosciuto una flessione del 2% nel 2011 - imprenditori come i Milchior, famiglia fondatrice di Etam, produttrice di underwear e abbigliamento esterno, sono pronti a investire nella crescita, passando per l'internazionalizzazione (attraverso postazioni nei grandi centri commerciali cinesi) e la messa a punto di nuove équipe manageriali e stilistiche, così come riporta un'intervista rilasciata a Reuters nelle scorse settimane da Laurent Milchior.
Importante anche la sfida di Assya Hiridjee, di cui parla la stampa francese, che nell'ex sede di Lejaby a Bourg-en-Bresse, darà vita a una nuova collezione made in France reimpiegando, già dal prossimo autunno, una cinquantina di dipendenti licenziati nel 2010, a seguito della chiusura della fabbrica (sulle vicissitudini Lejaby vedi news su fashionmagazine.it dell'11 novembre 2011, 20 dicembre 2011, 19 gennaio 2012 e 2 febbraio 2012).
m.b.
stats