Fashion Economic Trends: nel 2010 la moda crescerà del 6,5%

Dopo il -15% con cui la moda italiana – intesa come tessile, abbigliamento, pelle, pelletteria e calzature - ha chiuso il 2009, calo che non ha precedenti negli ultimi 20 anni, il 2010 dovrebbe portare un lieve recupero, nell’ordine del +6,5%.
Stando ai Fashion Economic Trends che la Camera Nazionale della Moda ha reso noti in concomitanza con l’inizio delle passerelle di Milano Moda Donna, il fatturato previsto per il 2010 è attorno ai 60,2 miliardi di euro, contro i 56,5 del 2009 (era 66,4 miliardi di euro nel 2008 e 69,2 nel 2007).
Anche l’export tornerà a crescere, prevedibilmente attorno a un +9,1% a 35,9 miliardi di euro, dopo la débaâcle dello scorso anno, quando le vendite all’estero hanno registrato una frenata pari al -18,9% a 32,9 miliardi: si resta comunque ancora lontani dai 40,5 miliardi di euro del 2008 e dai 42,1 miliardi del 2007.
Il cauto ottimismo dei dati è suffragato da un generalizzato ritorno di fiducia ma molto dipenderà anche dall’andamento del dollaro rispetto all’euro: se i valori di cambio si stabilizzeranno attorno a 1,35/1,40 i comparti a monte della filiera potrebbero crescere del 4,5%, con una dinamica più favorevole nel secondo semestre. Maggiore sarà la ripresa a valle, che potrebbe sfiorare il +9%.
c.mo.
stats