Fashion week: Milano è di moda

"La moda non è solo il carattere identificativo della nostra città, ma anche un settore produttivo da valorizzare", ha esordito Letizia Moratti all’odierna presentazione ufficiale della fashion week milanese organizzata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana. "Milano e gli stilisti stanno dando vita a un’alleanza virtuosa – ha confermato Mario Boselli, presidente di Cnmi –. Voglio esprimere la mia riconoscenza all’amministrazione comunale, perché ciò che sta facendo per il settore è senza precedenti".
Con l’inizio della kermesse alle porte, partirà mercoledì 23 per concludersi mercoledì 30 settembre, il coinvolgimento fattivo della città nell’atmosfera delle sfilate è stato il perno del discorso del sindaco, per poi essere approfondito da Giovanni Terzi, assessore alle Attività Produttive, e da Massimiliano Finazzer Flory, assessore alla Cultura. La proposta si declina sul piano dell’accoglienza e dei servizi, che con l’iniziativa "Enjoy Milan" offre particolari agevolazioni, come i ristoranti della zona 1 aperti fino a tarda sera o il servizio gratuito di navette che collegheranno i principali alberghi e locali alle boutique del quadrilatero, e sul piano dell'intrattenimento con "La cultura è di moda". Il programma prevede mostre, proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali e dibattiti uniti dal filo conduttore della moda e del costume.
Boselli ha sottolineato che, nonostante la congiunzione economica sfavorevole, le passerelle autunnali aumentano di numero, passando dalle 92 di febbraio alle 97 di questa edizione. Con la battuta: "I nostri stilisti sono molto creativi in tutto… anche nel creare qualche scompiglio" il presidente ha minimizzato le querelle sul calendario, la cui versione definitiva è stata approntata ieri in tarda serata (vedi altra news di oggi).
m.c.
stats