Fast Retailing Group accelera nel semestre

Nei sei mesi chiusi in febbraio, Fast Retailing Group ha visto i ricavi salire del 14,9% year a 525,5 miliardi di yen (circa 4,9 miliardi di euro). L'utile operativo ha messo a segno un +11,8% a 91,7 miliardi di yen, mentre i profitti sono cresciuti del 38,7% a 57,7 miliardi.
La catena Uniqlo, in particolare, ha totalizzato 364,5 miliardi di yen in Giappone (+6,6%) e 84,8 miliardi all'estero (+68,8%). Il business dei global brand, tra i quali è compreso anche il marchio Comptoir des Cotonniers, è invece progredito del 17,4% a 74,8 miliardi.
Per Uniqlo è in programma un'ulteriore espansione all'estero, in particolare nella Greater China, dove gli store passeranno dai 32 del 2011 a 80. In giugno è in agenda un opening nelle Filippine e sono allo studio aperture in Indonesia, Australia e Vietnam. Per quanto riguarda gli Usa, in autunno sarà inaugurato un flagship a San Francisco poi seguirà uno store in uno shopping mall del New Jersey. Nel medio-lungo termine si guarda anche allo stato di New York e alla West Coast. Per l'Europa la società nipponica cita le città maggiori, tra le quali Berlino, Milano e Barcellona. Per la fine dell'esercizio Uniqlo dovrebbe raggiungere i 633,5 miliardi di yen di giro d'affari in madrepatria (+5,6%) e 160 miliardi oltreconfine (+70,7%).
Nelle stime dei vertici, il gruppo Fast Retailing dovrebbe arrivare a un fatturato annuale di 941,5 miliardi di yen (+14,8% sull'anno prima) e a oltre 81 miliardi di utili (+49,9%).
e.f.
stats