Fatturato in aumento e nuova sede per Stonefly

Business in crescita e una nuova sede di 40mila metri quadrati. Queste le due novità di punta presentate oggi a Milano da Stonefly, azienda veneta specializzata nelle calzature del segmento comfort.
Nonostante la congiuntura negativa che imperversa sul mercato calzaturiero, la società di Casella d’Asolo (Tv) prevede di chiudere l’esercizio 2003 con un giro d’affari in crescita del 10% rispetto all’anno precedente, toccando la vetta degli 88 milioni di euro. Con un ulteriore step: il traguardo dei 100 milioni di fatturato, con un incremento del 13% entro il 2004.
Dopo dieci anni di attività, Stonefly investe anche nel potenziamento delle proprie risorse logistiche attraverso l’acquisto di una nuova sede: si tratta degli impianti sino a ora di proprietà della Lotto (pronta a trasferirsi a sua volta nel complesso industriale occupato dalla Nordica) che sorgono in un’area di 40mila metri quadrati, dei quali 16mila adibiti a magazzino e 4mila a uffici. Un investimento che si inserisce nei piani di sviluppo di Stonefly, che per i prossimi anni prevede un incremento delle attività produttive e di tutte le risorse, umane e tecnologiche, interne alla struttura aziendale, con un importante obiettivo: la produzione di 1.800.000 paia di scarpe nel 2004, 200mila in più rispetto all’anno precedente.
“Nelle strategie aziendali – ha detto alla conferenza stampa Andrea Tomat, amministratore delegato di Stonefly nonché presidente della Lotto Sport Italia – prioritario sarà lo sviluppo del retail nelle aree estere”. In primis nel mercato cinese - nonostante le recenti polemiche sulla contraffazione - per il quale Stonefly ha messo a punto un business plan che punta a raggiungere un fatturato di dieci milioni di euro nel prossimo triennio. Stati Uniti e Spagna saranno le altre due aree commerciali dove si concentrerà l’impegno dell’azienda veneta, come ha precisato Loredana Polo, ai vertici della società dalla scorsa primavera in qualità di direttore generale. In particolare l’attenzione si focalizzerà sugli States, dove si prevedono vendite per otto milioni di euro nel 2003 e nove milioni nel 2004.
a.t.
stats