Fatturato in aumento ma utili in leggero calo per Hermès

Dopo avere realizzato ricavi pari a 1,91 miliardi di euro, in rialzo dell'8,5% rispetto al 2008, Hermès International ha chiuso l'esercizio 2009 con utili pari a 288,8 milioni, dai precedenti 290,2 milioni (-0,5%). Il gruppo del lusso francese pagherà un dividendo di 1,05 euro per azione (nella foto, la top model e attrice Lily Cole in passerella per la griffe alle recenti sfilate parigine).
Il risultato annuale di Hermès si colloca al di sotto delle stime degli analisti interpellati dall'agenzia Bloomberg che, in media, si aspettavano profitti pari a 296,2 milioni (+2% sull'anno prima).
Durante l'esercizio scorso, va ricordato, il gruppo d'Oltralpe ha investito 207 milioni di euro, 80 dei quali destinati all'acquisizione di un immobile al 167 di New Bond Street a Londra (vedi fashionmagazine.it del 29 settembre) e ha creato 163 nuovi posti di lavoro, arrivando a superare gli 8mila addetti nel mondo.
A livello di risultato operativo, nel 2009 la società ha registrato un +3,1%, raggiungendo quota 462,9 milioni. Il margine è lievemente diminuito, passando dal 25,5% del 2008 al 24,2%. A tassi di cambio costanti è invece risultato invariato.
Nel nuovo fiscal year la realtà guidata da Patrick Thomas ha intenzione di sviluppare ulteriormente il network distributivo con 12 nuovi spazi, a partire da rue de Sèvres a Parigi e da Madison avenue a New York, dove in febbraio è stato inaugurato il primo negozio della griffe interamente dedicato all'universo maschile.
e.f.
stats