Fendi taglia il nastro di un nuovo store a Shanghai

Apre i battenti oggi il Fendi Store Shanghai Plaza 66, nuovo monomarca cinese con l’insegna della maison romana. Il design della boutique, estesa su una superficie di 1.600 metri quadri distribuiti su due livelli, porta la firma di Peter Marino ed è fedele al concept di Palazzo Fendi a Roma. Per celebrare l’evento, lo spazio è stato trasformato in una grande vetrina dedicata al "fatto a mano".
Ogni dettaglio della location è ispirato al patrimonio culturale della Città Eterna: la facciata d’ingresso è incorniciata da acciaio con striature color ruggine, per creare un gioco grafico con il prospetto sottostante di vetro scanalato, mentre il travertino romano, tagliato in grosse lastre curve, "fluttua" da stanza a stanza.
Al piano terra, all’ingresso, si apre un’area con le borse Fendi, che lascia poi lo spazio a sezioni riservate alle scarpe, agli occhiali da sole e agli orologi. Un corner Selleria, dove spicca il “fatto a mano”, conduce invece i visitatori al primo piano, dove è protagonista la collezione ready-to-wear, con 180 metri quadrati focalizzati sulle pellicce: la prima e unica “Fendi Fur Vip Room” in Asia.
A riecheggiare il palazzo romano sono anche la scala a chiocciola, caratterizzata da una finitura di resina striata levigata lucida, e i tre lampadari lavorati a mano con 5.600 pezzi di vetro, che vogliono ricordare le famose fontane della capitale.
Per festeggiare l’opening del monomarca (che prende il posto di uno spazio più piccolo, sempre nello shopping mall Plaza 66), Fendi ha allestito una grande vetrina dedicata al “fatto a mano”, che mostra un’esclusiva selezione fra le numerose creazioni simbolo del patrimonio artigianale e della creatività della casa di moda, come i prodotti Fendi Selleria, le 12 Baguette Lisio Fendi e una serie di pellicce d’archivio ispirate alla Cina.
a.t.
stats