Ferragamo punta sulla Cina e lancia gli orologi

Da metà novembre nelle boutique monomarca Ferragamo sarà disponibile la prima linea di orologi di lusso della griffe. La maison fiorentina ha recentemente presentato a Shanghai la collezione donna primavera-estate 2004 in occasione della Shanghai Fashion Week, la due giorni di sfilate organizzata per la prima volta quest’anno dalle autorità locali.
La gamma di articoli firmati Ferragamo si amplia con il debutto, fissato per metà novembre, della prima linea di orologi che, in sintonia con la strategia distributiva riservata ai prodotti di lusso, sarà disponibile inizialmente solo nelle boutique monomarca presenti in tutto il mondo.
Si tratta di cinque modelli (due femminili, un unisex, un classico maschile e un cronografo deluxe), il cui design si ispira alla storica scarpa a “zeppa” realizzata nel 1939 da Salvatore Ferragamo. Gli orologi avranno un prezzo al pubblico dagli 800 ai 1.000 euro.
In occasione della manifestazione di Shanghai (a cui hanno aderito, oltre a Ferragamo, Lanvin, Paul & Shark, Vivienne Westwood, Vivienne Tam e Aigner, insieme a stilisti cinesi), Ferruccio Ferragamo, amministratore delegato della Salvatore Ferragamo Italia, ha dichiarato: “La Cina è un mercato con enormi potenzialità ed è particolarmente importante per noi: abbiamo registrato un tasso di crescita del 46% nel Paese”.
L’azienda conta 18 punti vendita nel mercato cinese domestico: cinque nel mercato cinese dei duty free, otto shop nel centro di Hong Kong e cinque travel shop.
Secondo stime diffuse dalla società, Salvatore Ferragamo occupa il terzo posto fra i marchi del lusso nella Repubblica Popolare, con una quota di mercato dell’8-10%.
A più ampio raggio, con un totale di 63 punti vendita diretti, l’Asia rappresenta per Ferragamo uno dei principali mercati di sbocco: nel 2002 il 45% del giro d’affari della società è stato realizzato infatti nell’area Asia/Far East.
e.a.
stats