Fiere a Parigi: risultati migliori delle aspettative per il Sil e Who's Next

Il "weekend caldo" della moda a Parigi si è chiuso con un bilancio complessivamente positivo, anche se mancano ancora i dati su alcune fiere come Prêt à Porter Paris e Première Classe. Sia il Salon International de la Lingerie (Sil), sia Who's Next, hanno riportato una crescita dei visitatori.
In particolare, il Sil (che si è svolto, come Who's Next e la maggior parte delle altre manifestazioni, dal 23 al 26 gennaio) ha raggiunto quota 23 mila ingressi con un +3% in confronto con la sessione di un anno fa. Stabile l'adesione da oltrefrontiera (11.400 presenze), in ascesa del 6% il dato relativo ai compratori francesi che sono intervenuti in 11.600. Quanto alla fiera sui materiali per l'underwear e il beachwear, Interfilière (che ha integrato l'offerta con le stoffe per il womnenswear), i buyer sono stati 14 mila, +8% rispetto al 2002.
Who's Next, vetrina della moda giovane, ha totalizzato 30.600 passaggi, con un incremento del 18% trainato dalla vivace risposta dalla Francia, mentre l'estero ha rallentato (-3%): un esito raggiunto anche grazie all'accresciuta attenzione degli organizzatori alle linee uomo e donna destinate al middle market. Who's Next ha inoltre beneficiato della contiguità con la rassegna Première Classe sugli accessori di tendenza, che per la prima volta ha occupato uno spazio a sé a Porte de Versailles, dopo essere uscita dal contesto di Prêt à Porter Paris.
go
stats