Filo amplia l’offerta

Si inaugura domani, 23 ottobre, la “tre giorni” di Cernobbio: in scena, a Filo, oltre ai fili e alle fibre per la primavera-estate 2004, anche il textile design, la nobilitazione e, per la prima volta, macchinari e nuove tecnologie.
Sono un centinaio gli espositori presenti alla rassegna, che apre con ampio anticipo il calendario degli eventi dedicati alla primavera-estate 2004. L’edizione attuale è sintomatica di un desiderio di rinnovamento e ampliamento di orizzonti: infatti, grazie a un accordo con Acimit (Associazione dei costruttori italiani di macchinari per l’industria tessile), la manifestazione ospita per la prima volta l’area Textile Machinery Forum su macchinari, tecnologie e processi all’avanguardia.
Intanto gli organizzatori di Biella Intraprendere sono alla ricerca di sinergie con altre fiere: per esempio, mentre lo scorso settembre Première Vision dava il via al proprio interno al "salone nel salone" Fil Event sui filati, Filo era presente con uno stand informativo alla mostra concomitante Texworld, in crescita soprattutto dopo essere entrata nell’orbita della Messe Frankfurt. Sempre in tandem con Messe Frankfurt si profila un’altra iniziativa: in occasione della prossima Heimtextil - la mostra sul tessile per la casa di Francoforte, prevista l’11 e 12 gennaio 2003 - sarà allestito uno spazio Filo con le novità per il 2004 destinate a questo specifico settore.
Tornando all’attuale sessione, fra gli appuntamenti in programma da segnalare l’inaugurazione, il 23 ottobre, dell’esposizione "Fili inattesi" che a Villa Erba, sede di Filo, porta un close-up sulle creazioni di alcuni artigiani-artisti. In questo contesto vengono premiate con un riconoscimento speciale le due società giapponesi Yamazaki Vellodo e Fujita, in grado di creare sorprendenti alchimie con i materiali più disparati, come il velluto sintetico e la carta washi. Invece fuori dal salone - più precisamente al Grand Hotel Imperiale di Moltrasio, il 25 ottobre alle 14 - gli esperti di DuPont Textiles & Interiors fanno il punto sulle “Fabric innovation” della primavera-estate 2004.
a.b.
stats