Filo chiude a quota 2.659 visitatori

Filo, il salone milanese delle fibre, dei filati, del disegno tessile e della nobilitazione che ha chiuso i battenti a Milano lo scorso primo aprile, traccia un bilancio positivo della ventunesima edizione: al Superstudio Più sono arrivati 2.659 visitatori, in rappresentanza di 1.395 aziende.
"Abbiamo superato le cifre di un anno fa - sottolineano gli organizzatori di Biella Intraprendere -. Un esito ancora più soddisfacente, se si pensa che nell'aprile 2003 le giornate di lavoro erano tre e ora sono state due".
Anche il numero di Paesi da cui provenivano gli operatori è aumentato: dai 35 di un anno fa agli attuali 39, fra cui Corea, Croazia e Paesi della ex Jugoslavia, India, Marocco, Pakistan e Hong Kong.
Inoltre, Filo ha ospitato delegazioni di compratori da 11 nazioni, grazie alla collaborazione dell'Ice-Istituto del Commercio con l'Estero. I giornalisti accreditati sono stati 93: 71 italiani e 22 da oltrefrontiera.
"Oltre alla fiera in sé - dicono i portavoce di Filo, che tornerà alla ribalta il 27 e 28 ottobre con le proposte per la primavera-estate 2006 - ha riscosso successo la mostra su Max Mara, un modo per ripercorrere mezzo secolo di moda italiana".
Quanto a Nextex, la nuova area sui tessili innovativi e interattivi arricchita da momenti di incontro e informazione, "le aspettative non sono state deluse e le potenzialità sono state riconosciute sia dagli espositori, sia dai visitatori, che hanno così avuto occasione di confrontarsi. Ora Nextex deve essere sviluppato e curato, affinché cresca".
a.b.
stats