Fin.part: anche un fondo Usa tra i pretendenti di Pepper

Fonti di stampa danno ormai per prossima la cessione di Pepper, marchio della scuderia Fin.part, per il quale nei mesi scorsi si è parlato di un interesse da parte di Mittel. Tra i nuovi pretendenti potrebbe esservi anche un fondo speculativo statunitense.
Il Sole 24 Ore di oggi fa il nome di Oaktree Capital Mangement, specializzato in acquisizioni di realtà che necessitano di interventi di ristrutturazione (distressed). Una loro proposta si affiancherebbe a quelle di Mittel Generale Investimenti, società di private equity del gruppo Mittel, e dell’imprenditore-stilista Remo Ruffini, che è anche uno degli azionisti di Moncler.
Stando ad alcune voci, inoltre, pare che le banche siano disposte a intervenire nel salvataggio del gruppo Fin.part solo per un ammontare di circa 50 milioni di euro. La richiesta della società presieduta da Gianni Mazzola, che ha dichiarato il default per un bond da 210 milioni di euro, è invece di 80 milioni di euro.
La definizione di una trattativa per la cessione di Pepper Industries risulta quindi quanto mai opportuna, così come quella per il marchio Cerruti, per il quale si sarebbe fatto avanti anche un gruppo cinese, mentre sembra allontanarsi la prospettiva di un’intesa con Tombolini (vedi fashionmagazine.it dell’8 ottobre e 26 luglio). Come indicato da fashionmagazine.it dello scorso 16 dicembre, il marchio della biancheria per la casa Frette, con il relativo ramo d'azienda, è stato concesso in licenza a Coraline, controllata dal fondo Usa JH Partners e dal finanziere Ettore Cesaraccio.
e.f.
stats