Firenze: un'offerta più trasversale a Pitti W_Woman Precollection

Si propone come luogo ideale per il lancio di progetti donna innovativi e marchi dalle grandi potenzialità il salone-evento Pitti W_Woman Precollection, che giunge alla sua quarta edizione a Firenze, da domani al 19 giugno insieme a Pitti Uomo.
Oltre 60 i marchi presenti a questo appuntamento, indirizzato alla stampa e ai top buyer internazionali più attenti alla ricerca. "Pitti W_Woman Precollection amplia i propri presupposti - commenta Agostino Poletto, vice direttore generale di Pitti Immagine -. Da una parte l'offerta diventa più trasversale, aprendosi ai settori della profumeria artistica e del vintage (in collaborazione con A.N.G.E.L.O. Vintage Palace, ndr), con due progetti dedicati nella sede della Dogana. Dall'altra, a Villa Vittoria, che ospita l'area Designer Collection, il contesto si fa ancora più internazionale, con le collezioni dei più talentuosi designer della giovane creatività made in Britain". Da oltremanica arrivano Christopher Kane, Emma Cook, Jonathan Saunders, Markus Lupfer, Preen e Richard Nicoll. Da segnalare anche la partecipazione di Bex Rox, Carta e Costura, Dominic Jones, Isabella Tonchi, Issa, Lala Berlin e Leopoldo Giordano, solo per citare alcuni nomi.
Tra gli ospiti speciali, in Dogana di presenta Catherine Malandrino, designer francese con headquarters a New York mentre sarà da vedere l'installazione esclusiva dedicata alla nuova collezione di "ballerine" Kartell by .normaluisa. L'appuntamento clou di questa edizione è quello della sera del 18 giugno, quando alla Villa La Petraia sfilano, con il loro primo evento fuori dagli States realizzato insieme ad Art Production Fund, Lazaro Hernandez e Jack McCollough, alias Proenza Schouler: non si tratterà di una sfilata tradizionale, ma di uno show con performance "site specific" degli artisti americani Kalup, Linzy, Haim Steinbach e The Voluptuous Horror of Karen Black.
a.b.
stats