Franklin & Marshall: decimo anniversario a Pitti e tante novità per il 2009

Ritorno a Pitti per festeggiare i 10 anni del brand Franklin & Marshall. Il 2009 si preannuncia un anno di grande dinamismo per l’azienda nata dalle intuizioni di due giovani imprenditori, Giuseppe Albarelli e Andrea Pensiero: la novità più importante è l’apertura di un monomarca a Tokyo, che andrà ad aggiungersi a quello di Milano.
Il negozio giapponese dovrebbe aprire a settembre nel quartiere di Aoyama e si sta già pensando all’eventualità di un secondo: il Giappone è infatti il Paese che al momento mostra le maggiori potenzialità di sviluppo per il marchio.
Dopo solo due anni dalla sua nascita nel 1999, Franklin & Marshall ha cominciato l’esplorazione dei mercati esteri, riuscendo a portare il fatturato export a rappresentare il 60% del giro d’affari. “Stiamo lavorando bene anche in Gran Bretagna Francia, Spagna e Grecia - spiega Albarelli -. E ora iniziamo con la Germania. Prevediamo di chiudere il 2009 con un +30%”.
Quanto all’Italia, dopo Milano l’azienda sta considerando una location a Roma, “ma - assicura Albarelli - non stiamo pensando allo sviluppo dei monomarca: valutiamo solo singole opportunità quando ci capita il partner giusto o l’indirizzo prestigioso”.
“Siamo molto concentrati sul wholesale - conclude l’imprenditore -. Attualmente la distribuzione nazionale è rappresentata da 480 punti vendita, costituiti prevalentemente da store multibrand, con un posizionamento medio-alto, o comunque in negozi attenti a una qualità non banale”.
La collezione è prodotta interamente con materie prime 100% italiane. La quasi totalità (95%) della produzione è affidata a stabilimenti veneti. Una filosofia di qualità che non è stata abbandonata neppure nella scelta dei partner americani per la produzione delle borse sportive (con Jensen Lee Corporation), degli originali giubbotti in stile college (Dehen company), dei cappelli da baseball (New Era).
c.mo.
stats