Gap cede il posto a H&M in Germania

Il retailer americano Gap ha raggiunto un accordo per la cessione di tutte le attività operative in territorio tedesco al gruppo H&M, che alla fine di gennaio ha annunciato nuovi opening proprio in quest’area di mercato. Si tratta di 10 store, che realizzano appena l’1% delle vendite della società quotata al New York Stock Exchange.
Il passaggio delle consegne è in calendario per il prossimo primo agosto e prevede il riassorbimento, da parte del gruppo svedese (vedi fashionmagazine.it del 29 gennaio), di tutto lo staff ora alle dipendenze di Gap. I valori della transazione non sono ancora noti, ma Gap ha comunicato che nel quarto trimestre che si è chiuso il 31 gennaio emergeranno oneri per circa 0,01 dollari per azione.
“Si tratta di una decisione sofferta - ha dichiarato il presidente e ceo di Gap Paul Pressler –. Il nostro attuale business model e il posizionamento del brand in Germania rendono tuttavia quest’area meno appetibile rispetto ad altri mercati”.
Gap ora si prepara a esplorare nuovi mercati grazie alla collaborazione di Andrew Rolfe, ex-Prêt A Manger, nominato presidente della International division del retailer statunitense tre mesi fa (vedi fashionmagazine.it del 4 novembre) e in carica dai primi di febbraio. Il manager riporterà direttamente a Paul Pressler.
e.f.
stats