Gas, complice Venezia, stupisce i suoi ospiti con le nuove collezioni

Forte della convinzione che i primi referenti siano i dettaglianti-clienti di tutto il mondo, la Grotto di Chiuppano (Vi) ha invitato lo scorso weekend oltre 400 ospiti a Venezia, per comunicare i valori di Gas e presentare in anteprima le collezioni uomo e donna dell’autunno-inverno 2005/2006. Momento clou la sfilata e il party all’Arsenale, location d’eccezione, per la prima volta "concessa" per un evento moda.
Fondata nel 1982 dal vulcanico Claudio Grotto, l’azienda ha ottenuto, grazie al marchio Gas, riscontri significativi a livello mondiale, con un’incremento di fatturato del 60% dal ’99 al 2003, fino ad arrivare ai 130 milioni di euro messi a segno nel 2004.
Attualmente i punti vendita che commercializzano Gas sono 3.500 nel mondo. Le esportazioni rappresentano il 40% circa del giro d’affari: una quota destinata a salire, considerata la decisa politica di espansione nei nuovi mercati del Far East e dei Paesi Arabi attuata dalla società.
In particolare, punto di snodo della penetrazione nel Far East è la filiale di Hong Kong, dove da fine gennaio sarà attiva una nuova showroom di 600 metri quadri e un importante negozio-immagine, la cui inaugurazione è prevista per fine marzo.
Un ruolo di primo piano è ricoperto dal progetto di sviluppo retail diretto: a oggi sono infatti 35 circa (tra flagship, store e outlet) i punti vendita Gas gestiti dall’azienda, senza contare gli oltre 150 negozi e corner monomarca in franchising distribuiti nel mondo.
I capi per l’autunno-inverno 2005/2006 visti in sfilata all’Arsenale incarnano perfettamente la filosofia del brand, racchiusa nel motto “keep it simple”. Qualità, essenzialità e funzionalità sono infatti gli “ingredienti” che contraddistinguono questa proposta giovane, informale e cosmopolita; questa volta più attenta alle occasioni d’uso e con un tocco più glamour nella donna rispetto alle precedenti “prove”.
e.a.
stats