Gerard Darel sceglie il Marais per la sua settima boutique a Parigi

Con un’anteprima dedicata alla stampa internazionale, la maison Gerard Darel, 123 milioni di fatturato nel 2005, ha inaugurato ieri la sua settima boutique parigina, la cinquantesima in Francia.
Questo nuovo punto vendita si trova nel quartiere del Marais, la zona più trendy della città, e precisamente al numero 41 di rue des Francs Bourgeois. Allestita su una superficie di 80 metri quadri, utilizza rovere di noce e mattoncini colorati di grigio antracite, pannelli stampati con cilindri multicolore, pavimento in lastre di pietra dal taglio irregolare chiamato “opus insertum”.
Lo stile di Gerard Darel, che si connota per un’allure squisitamente francese fatta di semplicità ed essenzialità, di mélange di pezzi facili e al tempo stesso iperfemminili, è stato ribadito dalla presentazione in boutique di alcuni pezzi della nuova collezione per il prossimo autunno-inverno. Spiccavano tra gli altri, giacche in maglia portate su abitini in seta e la borsa di maglia tricottata versione blu o bianca.
Uno stile che calza a pennello all’affascinante Charlotte Gainsbourg, testimonial-icona fotografata da Mario Testino. Un volto moderno spesso esaltato dal doppio filo di perle di vetro nero, riproduzione della famosa collana appartenuta a Jacqueline Kennedy, venduta all’asta a New York da Sotheby’s nel 1996 e acquistata da Gerard Darel per poterla rieditare, ma anche dalla celebre borsa “Sac drapé”, che tanto successo ha avuto persino negli Stati Uniti. “La produzione la realizziamo in Francia e in Italia quando si tratta di confezionare perfettamente i capispalla – ha raccontato Laurent Darel, figlio di Danielle, presidente della società – ma anche nei Paesi dell’Est, piuttosto che in Cina per il cashmere o in Spagna per le calzature”.
l.se.
stats