Gft: la chiusura definitiva a fine febbraio 2003

Dopo un lungo processo di dismissioni Gft chiude in via definitiva il 28 febbraio 2003. Gft.Net ha comunicato in settimana l'avvio formale della procedura per il licenziamento di tutto il personale: 149 impiegati e 187 operai. Alcuni di loro potrebbero essere ricollocati presso la Codis.
L'attività dell'azienda tessile si è sviluppata dopo la seconda guerra mondiale e ha raggiunto il top come Gft (Gruppo Finanziario Tessile), grazie anche alla firma di un accordo di licenza con gli stilisti Giorgio Armani e Valentino alla fine degli anni '70. Il declino è iniziato negli anni '90, quando è scaduta la licenza con Armani e Gft.Net non è stata in grado di progredire con i marchi propri. La controllante Hdp ha infatti proceduto via via alla vendita della griffe Valentino e di altre divisioni fra cui Facis e Sahzà.
Si tratta di una perdita di rilievo per l'economia torinese, dove il numero di impiegati del settore abbigliamento è precipitato dai 30.000 del 1980 agli 11.000 di oggi. Per parte dei dipendenti Gft pare sia in trattativa il riassorbimento da parte dell'azienda piemontese di confezioni Codis.
gd
stats