Giacomelli Sport Group: parte la vendita degli asset

La vendita delle attività di Giacomelli Sport Group, società della grande distibuzione di articoli sportivi in amministrazione straordinaria, è cominciata ufficialmente ieri. Il prezzo di cessione globale è di 39,35 milioni di euro.
In particolare, Giacomelli Sport è stata valutata 23,5 milioni di euro, Longoni Sport 14,7 milioni, Natura & Sport circa 540 mila euro e It sport poco oltre i 541 mila euro.
Come emerge da Il Sole 24 Ore di oggi, che riporta le comunicazioni dei commissari straordinari, le offerte irrevocabili per l’acquisizione dell’intero gruppo o di singoli complessi aziendali dovranno essere presentate entro 35 giorni da ieri. Gli stessi commissari si riservano il diritto di prendere in considerazione anche offerte di prezzo inferiore, che saranno valutate tenendo conto dell’esperienza maturata nel settore da parte dell’offerente, delle garanzie di salvaguardia del patrimonio aziendale e del mantenimento dell’occupazione.
Sempre ieri hanno preso il via gli interrogatori, da parte del Gip del Tribunale di Rimini, dei cinque arrestati “eccellenti” accusati di associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta impropria (la società è sotto il regime della Prodi-bis e quindi non è mai stata dichiarata fallita), calunnia per avere simulato lo smarrimento di assegni, truffa ai creditori, emissioni di fatture false e false comunicazini a partire dal ’97. Come indicato da fashionmagazine.it lo scorso 29 aprile, sono finiti in manette il fondatore Antonio Giacomelli e il figlio Emanuele, Vittorio Fracassi, Stefano Pozzobon e Domenico Libri. La moglie di Emanuele Giacomelli, Gabriella Spada, colpita dallo stesso provvedimento, pare si trovi "in vacanza" alle Maldive.
e.f.
stats