Giacomelli Sport: la posizione finanziaria netta peggiora a -182 milioni di euro

Il passivo della posizione finanziaria netta di Giacomelli Sport Group - a metà ottobre dichiarata insolvente dal Tribunale di Rimini - ha superato i 182 milioni di euro a fine settembre, dai 175,9 milioni del mese precedente. Come riporta l’agenzia Reuters, sono in valutazione proposte di interesse dall’Italia e dall’estero.
In particolare, le rate di debito scadute e non rimborsate verso i fornitori ammonterebbero a oltre 224 milioni di euro; quelle verso le banche raggiungerebbero invece quota 61 milioni.
Mentre si attende per la fine di questa settimana la relazione dei commissari giudiziali - in base alla stessa il Tribunale deciderà l’ammissione o meno all’amministrazione straordinaria - sembra che il collegio commissariale stia valutando alcune manifestazioni d’interesse, giunte da parte di imprenditori nazionali ed esteri, che vanno dall’affitto della rete vendita del retailer riminese all’acquisizione della società, dopo il ricorso alla Prodi-bis (vedi fashionmagazine.it del 22 settembre).
Sembrano farsi avanti con questi obiettivi la catena di negozi udinese Bernardi (vedi fashionmagazine.it del 24 ottobre) ma anche, secondo recenti ipotesi di stampa, il magnate francese Patrick Perrin, il cui interesse sarebbe esclusivamente di natura finanziaria: parteciperebbero all’operazione anche soci industriali fra i quali una realtà italiana del tessile e investitori anglo-americani del settore distributivo.
Il nome di Perrin, in passato collegato a settori quali il turismo, le telecomunicazioni e il mondo del calcio, era stato associato a quello di Giacomelli Sport già alcuni mesi fa, prima ancora che il Tribunale concedesse al gruppo della grande distribuzione di articoli sportivi l’amministrazione controllata (vedi fashionmagazine.it del 27 giugno). Nonostante il no comment della società, allora il finanziere risultava tra i potenziali fautori di un piano di rilancio, che in realtà non si è mai concretizzato.
e.f.
stats