Giorgio Armani affronta il tema della successione in un’intervista

"Una partnership con un’altra azienda del prêt-à-porter sarebbe complicata. (…) Serve una grande organizzazione oltre la moda, con forze stratosferiche. (…) L’ideale sarebbe un investitore di altri settori o una multinazionale dei profumi”. Con queste parole si è espresso Giorgio Armani in un’intervista rilasciata a Ventiquattro (magazine de Il Sole 24 Ore) a proposito della successione alla guida del gruppo. "Per la quale - dice lo stilista - tutto dovrà essere pronto nel 2007 o, al massimo, nel 2008".
Giorgio Armani compirà 70 anni il prossimo 11 luglio. Il suo è un gruppo da 1,3 miliardi di euro di ricavi nel 2003, 4.700 dipendenti nel mondo e 13 stabilimenti. I prossimi progetti che lo impegneranno saranno la realizzazione di dieci hotel di lusso e quattro resort in parnership con Emaar Properties di Dubai, la maggiore società immobiliare del Medio Oriente e, a breve termine, l’inaugurazione di un nuovo megastore di 1.100 metri quadri a Shanghai.
e.a.
stats