Giovani imprenditori calzaturieri: un viaggio nella Penisola all'insegna del made in Italy

Guardare oltre i confini del proprio settore, per confrontarsi con altre realtà (sempre fortemente legate al concetto di made in Italy) e produrre nuove idee e sinergie: in quest'ottica i giovani imprenditori di Anci, l'associazione di categoria dell'industria calzaturiera, hanno recentemente incontrato Brunello Cucinelli e si preparano a confrontarsi con Lamberto Vallarino Gancia.
Il presidente del Gruppo Giovani di Anci, Enrico Paniccià, definisce l'esperienza con Cucinelli "straordinaria, in quanto ci ha permesso di toccare con mano quello che è certamente uno degli esempi meglio riusciti e più conosciuti al mondo di impresa umanistica". "Saper ascoltare il cliente, grande creatività e intuizione, umiltà, rispetto per i collaboratori, rigore - ha aggiunto -. Queste sono le parole chiave che abbiamo recepito in questa full immersion perugina".
La prossima tappa è una visita alla F.lli Gancia & C. di Canelli (Asti), prevista il 21 e il 22 maggio: in questo caso il tema è il legame con il territorio, integrato dalle strategie di innovazione e sviluppo d'impresa. Il filo conduttore è "la volontà di avvicinarci, anche grazie alla collaborazione con Sda Bocconi, ad aziende e imprenditori che fanno del made in Italy il proprio punto di forza".
a.b.
stats