Grant: più investimenti oltrefrontiera, a partire da Harrods

Più estero, con Cina e Asia in pole position ma senza dimenticare i mercati consolidati: le strategie di Grant, realtà bolognese specializzata nell'abbigliamento infantile ma non solo, sono orientate alla crescita. L'investimento più recente è l'inaugurazione di un corner dedicato ai marchi aziendali all'interno di Harrods.
Come spiega Mauro Serafini - amministratore delegato della società, che produce e distribuisce Miss Grant (integrato dal beachwear Miss Grant Eté e da Miss Grant Couture), Microbe, L:ù L:ù girl e woman e Grant Garçon, oltre alla licenza Ballantyne -, "questo opening è il culmine di un primo semestre 2011 che in Inghilterra si è concluso con un +30% delle vendite". "Del resto - precisa - è stato molto gratificante vedere che durante il giorno di apertura c'è stato il tutto esaurito".
Attualmente il 60% del giro d'affari dell'azienda emiliana - che sfiora i 30 milioni di euro, una cifra destinata ad aumentare - è realizzato oltreconfine. "Si tratta di una percentuale in progress - informa Serafini -. Per dare un'idea dell'importanza di quest'area di business, basti pensare che nel 2010 il marchio Miss Grant ha messo a segno un +50% dei ricavi fuori dall'Italia". Non sono solo i Paesi consolidati, come la stessa Gran Bretagna o la Spagna, a confermare una buona ricettività nei confronti delle proposte "by Grant", ma anche altri territori come il Medio Oriente e il Far East.
"In questo continente è la Cina una delle nazioni che ci stanno più a cuore - dice l'imprenditore -. Le boutique più prestigiose di abbigliamento infantile commercializzano già le nostre label, ma puntiamo a un'espansione più incisiva e organizzata: stiamo valutando alcune proposte e credo che ci saranno novità già a partire dalla fine di quest'anno".
Attualmente i multimarca che distribuiscono i brand di Grant sono quasi 2mila tra Italia ed estero, oltre ai monomarca di Milano (in via Manzoni 40) e Kuwait City nell'Avenue Mall, allo shop in shop da Harrods e alla presenza in department store del calibro di Selfridges, Harvey Nichols e KaDeWe in Germania.
a.b.
stats