Gruppo Lvmh: Delphine Arnault entra nel cda

Delphine Arnault, figlia di Bernard Arnault presidente di Lvmh, entra a fare parte del cda del gruppo. Di oggi anche la notizia della cessione da parte di Lvmh della società Canard-Duchêne, attiva nel settore champagne, ad Alain Thiénot.
La nomina di Delphine Arnault segue quella di Arnaud Lagardère, il cui ingresso nel cda della società risale all’ultima assemblea generale.
Nata nell’aprile 1975, diplomata all’Edhec e alla London School in Scienze politiche ed economiche, Delphine Arnault ha iniziato la sua carriera presso la società di consulenza e strategia internazionale McKinsey, dove è rimasta per tre anni.
Nel 2000 ha partecipato allo sviluppo della società John Galliano e nel 2001 è entrata nel Comitato di direzione di Christian Dior, assumendo la responsabilità di diverse linee di prodotto. La manager è inoltre inserita nel cda della maison Loewe, con il ruolo di responsabile della strategia di prodotto.
Un’altra news datata oggi, 3 ottobre, è quella relativa alla vendita da parte di Lvmh di Canard-Duchêne, marchio di champagne passato al gruppo Alain Thiénot. “Un’operazione – spiega una nota ufficiale – che rientra nella strategia di una concentrazione della filiale di Lvmh Moët Hennessy (leader nell’ambito del cognac e dello champagne) sui propri core-brand, ossia Moët & Chandon, Dom Pérignon, Veuve Cliquot, Krug, Ruinart e Mercier”.
a.b.
stats