Gucci punta verso l'Asia

Gucci guarda all'Asia e punta a rafforzare il settore abbigliamento, che rappresenta attualmente il 12% del suo fatturato complessivo.
Secondo il chief executive officer della società, Mark Lee, a breve apriranno nuovi store a insegna Gucci in Giappone, a Hong Kong e in Cina, dove il marchio ne conta attualmente otto e altri tre se ne aggiungeranno entro la fine dell'anno.
Il progetto di rafforzamento in Asia segue i buoni risultati ottenuti in quest'area nel 2005: le vendite della griffe sono aumentate dell'11% in Giappone, mercato che rappresenta ora il 22,7% del fatturato totale (pari, nel 2005, a 1,8 miliardi di euro, cioè il 14% in più rispetto al 2004).
Nel resto dell'Asia i ricavi sono cresciuti del 28,5%, contribuendo del 20,7% alle vendite complessive. Con un'incidenza del 43,4% sul giro d'affari totale, l'Asia rappresenta perciò un mercato strategico per il marchio, che realizza invece in Europa il 32,8% in Europa e il 20,5% negli Stati Uniti.
g.m.
stats