Gucci riapre a Verona, con un evento tra contemporaneità e tradizione

Gucci riapre dopo un restyling il negozio di via Mazzini 34 a Verona. I circa 200 metri quadri della boutique sono stati ristrutturati secondo il design concept di Frida Giannini, direttore creativo della griffe. Nella serata di giovedì 23 febbraio l'inaugurazione ufficiale, con un evento che rende omaggio all'heritage della casa di moda.
Per l'occasione sarà infatti allestito un "Artisan corner", nel quale si potrà "toccare con mano" l'arte manifatturiera del marchio fiorentino. Maestri artigiani si metteranno infatti all'opera in un laboratorio allestito per l'occasione, assemblando sotto gli occhi dei presenti le iconiche borse della doppia G - tra cui la New Bamboo, la New Jackie e la Stirrup -, personalizzabili con le iniziali dei clienti, anch'esse incise a mano, oltre che con luogo e data dell'evento.
Uno sguardo al monomarca evidenzia, tra i materiali, il palissandro e il marmo bianco e nero, abbinati a vetro scanalato, oro lucido, specchi e vetri fumé, con un vago sapore Art Déco. Linee geometriche, incluse caratterizzazioni stilizzate del classico nastro Gucci, definiscono l'ambientazione interna. Il piano terra è dedicato ai complementi: borse, valigeria, piccola pelletteria e occhiali da sole. Il primo piano ospita invece l'abbigliamento donna e uomo, insieme alle calzature e alla seteria. Come ha sottolineato Frida Giannini, lo shop presenta "un'estetica in armonia con la nostra immagine attuale", in una sintesi di storia e modernità.
a.b.
stats