Guess: accordi in Italia e Portogallo per espandere la struttura retail europea

Spinge sull'acceleratore del retail in Europa il big del jeanswear statunitense Guess. Recente l'intesa con il gruppo Percassi per l'acquisizione dei 26 negozi attualmente in licenza a quest'ultimo. Siglata una joint venture in Portogallo con il gruppo Brodheim, mirata all'inaugurazione di nuovi negozi.
Entro il termine della primavera alle porte sarà completata l'operazione con Percassi, in modo da rafforzare la presenza sul territorio con 158 negozi, fra diretti e in affiliazione. Gli store, molti dei quali in location strategiche come Roma, Milano, Torino e Padova, passeranno sotto il controllo di Guess Italia. Come recita un comunicato diramato dall'azienda, "la lunga e fruttuosa collaborazione con il gruppo Percassi è stata fondamentale per la crescita di Guess in Italia e l'accordo appena concluso è un importante passo avanti nella strategia di sviluppo retail, che punta a una distribuzione selettiva, a protezione dell'immagine e del posizionamento del marchio".
Nella penisola iberica Guess arricchirà il proprio network in seguito alla joint venture a partecipazione maggioritaria con il gruppo Brodheim, fra gli operatori di punta nel comparto moda locale, che ha come obiettivo l'inaugurazione di 20 nuovi shop che si aggiungeranno ai cinque già presenti a Lisbona, Oporto, Cascais e Braga.
c.me.
stats