Guess potenzia il management per focalizzarsi sul piano di espansione

Il gruppo americano di abbigliamento e accessori Guess ha annunciato una serie di cambiamenti ai vertici, incluse le dimissioni del cfo e tre nomine, che aiuteranno a velocizzare l’espansione all’estero.
La società con sede a Los Angeles, attualmente focalizzata su uno sviluppo in Europa e Asia, ha chiesto a Giuliano Sartori di trasferirsi nel quartiere generale europeo di Firenze per occuparsi del business legato alle licenze internazionali. Il gruppo ha inoltre promosso Stephane Labelle, in forze nello showroom di Milano, a senior vice president della divisione relativa ai prodotti in licenza nel Vecchio Continente.
Il neo incaricato, con un passato da Zara e Benetton, avrà il compito di dare maggiore impulso all’attività connessa all’abbigliamento in Europa, che genera un giro d’affari per circa 100 milioni di dollari (83,5 milioni di euro). A marzo di quest’anno, inoltre, Terence Tsang, che è ritornato a lavorare per Guess nel luglio del 2005, dopo aver ricoperto cariche dirigenziali da Ashworth, verrà trasferito a Hong Kong per guidare l’espansione della società in India e Asia.
Intanto nella sede centrale negli Stati Uniti, ha già dato le dimissioni il direttore finanziario Frederick Silny, che lascerà la società in maggio dopo quattro anni per seguire altri progetti. Ad assumersi le sue responsabilità, fino a quando non verrà trovato un sostituto, sarà Carlos Alberini, coo del gruppo. Guess ha inoltre assunto Stephen Pearson, precedentemente da J.Jill Group, per ricoprire la nuova carica di chief supply chain officer.
Un secondo nuovo ruolo, quello di president of Guess Canada, sarà ricoperto da Laurent Marchal, che ha lasciato il posto di managing director da Zara per entrare nel gruppo americano. Guess sta inoltre potenziando le attività di merchandising con Harriet Sustarsic (general merchandise manager per il retail) e Wendy Klarik (general merchandise manager per le vendite wholesale).
fi
stats