Guru: concordato preventivo per la Jam Session

Prosegue in tribunale la storia della "margherita", il brand fondato dal giovane imprenditore Matteo Cambi. La settimana scorsa è stata infatti depositata la richiesta di concordato preventivo per la Jam Session, guidata ora dal gruppo tessile indiano Brfl (Bombay Rayon Fashions Limited).
Secondo quanto riporta oggi la stampa quotidiana, la domanda presentata dovrebbe consentire di soddisfare totalmente i creditori privilegiati e almeno al 20% quelli chirografari. La proposta faceva parte degli accordi di cessione, che comprende anche la sottoscrizione di un patto di non concorrenza da parte dei tre azionisti (Matteo Cambi, la madre Simona Vecchi e il marito Gianluca Maruccio De Marco).
Affittato il ramo d’azienda, Brfl intanto si è dichiarato disponibile ad acquisire la società per 33 milioni di euro. Per la ristrutturazione della Jam Session, Bombay Rayon avrebbe inglobato la maggior parte dei dipendenti dell’ex gestione e arruolato un manager ad hoc come Michele Colombo.
In merito alla vicenda, un comunicato ufficiale da parte di Jam Session sarà diramato nei prossimi giorni.
a.t.
stats