H&M, in controtendenza, annuncia che creerà 6-7mila posti di lavoro

Anche se il mese di dicembre ha segnato soltanto un +3% in valute locali, il gigante del fast fashion H&M chiude l'ultimo quarter fiscale con vendite in aumento dell'8% e l'intero esercizio con un +11%. Le stime per il mese di gennaio sono di un incremento dei ricavi (sempre in valuta locale) dell'8%. E per il 2009 il management annuncia: creeremo migliaia di nuovi posti di lavoro.
Nell'esercizio chiuso il 30 novembre il fatturato ha raggiunto quota 88,5 miliardi di corone svedesi (circa 8,3 miliardi di euro), mentre nell'ultimo trimestre è salito a 26,3 miliardi.
L'utile operativo annuale è passato da 18,3 a 20,1 miliardi (+9,8% a valori correnti), mentre i profitti netti sono aumentati da 13,6 a 15,3 miliardi (+12,5%). L'utile quarterly si è attestato a 7,1 miliardi (+14%). Sulla base di questi risultati, agli azionisti sarà proposto un dividendo di 15,5 corone per azione, dalle 14 di un anno prima.
L'outlook dei vertici della catena svedese, in termini di espansione e sviluppo di nuove opportunità di business, resta positivo. Il management prospetta l'apertura di 225 nuovi store nel fiscal year in corso (attualmente è in preparazione l'opening di Pechino, il cui debutto è previsto per la prossima primavera) e la creazione di 6-7mila nuovi posti di lavoro.
e.f.
stats