Halston: l'operazione rilancio è iniziata

Lo storico brand Halston punta con decisione al rilancio: Ben Malka, che si è insediato al timone della realtà americana lo scorso luglio dopo essere stato ceo di Bcbg Max Azria, ha in serbo progetti importanti relativamente sia alla main line, sia alla collezione Heritage.
Intervistato da wwd.com alla vigilia della fashion week newyorkese, Malka - che ha preso le redini della società dopo un periodo burrascoso, in cui sono usciti di scena in rapida sequenza Sarah Jessica Parker, lo stilista Marios Schwab, Harvey Weinstein e la consulente di lusso Tamara Mellon - ha confidato che aveva promesso alla moglie di ritirarsi a 50 anni, "una decisione sulla quale avrei potuto soprassedere solo in nome di due o tre label: una di queste era proprio Halston". In questi mesi il manager ha ricompattato i vertici, portando con sé Maria Mazelis (a sua volta ex Bcbg Max Azria) con il ruolo di chief creative officer e concentrandosi su un'offerta suddivisa in due gamme di prodotto, la Heritage (più accessibile) e la main line, esclusiva e basata su una grande ricerca, con headquarters rispettivamente a Los Angeles e a New York.
A livello distributivo, Malka (azionista di maggioranza, affiancato da Hillco Consumer Capital e a un "silent investor"), ha in mente di inserire la griffe nei principali department store, del calibro di Harrods e Bloomingdale's - anche sull'onda del fatto che le proposte Heritage sono già commercializzate presso retailer come Bergdorf Goodman e Neiman Marcus - e non esclude l'avvio di monomarca sul territorio statunitense, con un concept avveniristico ma saldamente legato ai codici estetici di Mr. Halston. Uno dei pilastri della comunicazione sarà la presenza sui social network, insieme al legame con le celebrity, di cui il fondatore era stato un pioniere. Intorno al nucleo portante dell'abbigliamento, il ceo e il suo staff stanno costruendo un'offerta di accessori, grazie anche all'expertise della moglie di Malka, Anita Jansens, che in Bcbg Max Azria si occupava del settore borse e complementi. L'intervista a wwd.com si conclude con una certezza: "Abbiamo il nome, i soldi, il team e il prodotto: Halston è Halston".
a.b.
stats