Hermès a gonfie vele: i ricavi semestrali aumentano del 23%

Continua la crescita di Hermès: nel primo semestre del 2010, la maison d’Oltralpe ha realizzato vendite di 1,07 miliardi di euro, in progresso del 22,8% rispetto al 2009. Spinta dai risultati sopra le attese del secondo quarter (ricavi di 567 milioni, +27%), la società ha rivisto al rialzo le stime per il 2010 (nella foto, un modello firmato Hermès per l’autunno-inverno 2010/2011).
“Il tasso di incremento registrato nei primi sei mesi non potrà ripetersi nella seconda metà dell’anno, a causa di una meno favorevole base di confronto - informa una nota del gruppo -. Tuttavia, grazie a un eccellente secondo trimestre al di là delle aspettative, l’aumento del turnover 2010 è atteso fra il 10 e il 12% a cambi costanti (rispetto al +5% dichiarato in marzo, ndr)”. La fashion house prevede che l’utile operativo del primo semestre, il cui valore sarà comunicato il 31 agosto, mostri un avanzamento superiore a quello del fatturato.
Nel dettaglio del periodo gennaio-giugno, il turnover in Europa è balzato del 17,6%, trainato dal canale retail di tutti i mercati (+13,8% la performance della Francia), nelle Americhe ha evidenziato un +27,7%, in Asia +26,6% (+50,8% escludendo il Giappone). Il Paese del Sol Levante, infatti, ha messo a segno un modesto +2,9% (-1,7%, invece, a valute invariate).
A livello di prodotto, i ricavi semestrali degli articoli in seta e tessuto sono aumentati del 19,2%, la pelletteria ha totalizzato un +26,3%, l’abbigliamento e gli accessori un +21%. All’insegna del dinamismo la divisione orologi (+35,8%) e il comparto profumi (+25,7%, grazie alla fragranza Terre d’Hermès e al profumo Voyage d’Hermès, lanciato con successo in marzo).
La società francese continuerà a investire e ad accrescere il network distributivo nel 2010: saranno aperti o rinnovati una ventina di store worldwide. Entro la fine dell’anno, inoltre, sarà inaugurato un nuovo negozio in rue de Sèvres a Parigi.
d.p.
stats