Hermès: l’utile netto segna un +0,6% nel 2003 a fronte di forti investimenti

I dati di bilancio 2003 di Hermès, resi noti oggi, mettono in evidenza un giro d’affari a quota 1.230 milioni di euro, in leggero calo (-1%) rispetto allo scorso anno (a tassi di cambio costanti il fatturato sarebbe progredito del 7,7% in rapporto al 2002). L’utile operativo passa da 320,2 a 332,8 milioni di euro, in salita del 3,9%, mentre l’utile netto cresce da 215,5 a 216,8 milioni di euro (+0,6%). La maison francese, nel presentare i risultati, ha reso noto che gli investimenti fatti nel 2003 hanno richiesto un esborso di 94 milioni di euro e hanno riguardato l’apertura o la ristrutturazione di 28 punti vendita, l’impianto di una nuova piattaforma logistica nella regione parigina e la prima fase della costruzione e dell’ampiamento di tre stabilimenti del settore pelletteria. Nel tracciare le previsioni sul 2004, la maison del lusso ha rivelato di credere molto nelle potenzialità della nuova fragranza femminile Eau des Merveilles, nell’orologio Dressage e soprattutto nella collezione di prêt-à-porter femminile per il prossimo autunno-inverno, la prima disegnata da Jean-Paul Gaultier. L’impegno finanziario in vista di nuovi progetti continuerà a essere sostenuto anche nell’anno in corso.
stats