Hitman: entro gennaio riparte la produzione dei capispalla uomo

Con la delibera del Consiglio Comunale di Corsico si concluderà entro fine anno l'iter amministrativo per dare il via ai lavori di costruzione del nuovo stabilimento dell'azienda di abbigliamento Hitman, nell'area ex Burgo. Entro gennaio, inoltre, ripartirà la produzione sartoriale di capispalla maschili.
Come informano dalla Filtea Cgil di Milano, dall'inizio del 2010 riprenderanno quindi il lavoro 20 dei 75 dipendenti attualmente in cassa integrazione. Contemporaneamente sarà completato l'iter formativo di riqualificazione professionale per tutto il personale in forza (a completamento delle 400 ore previste per ciascun dipendente).
Le parti in causa puntano, inoltre, a ottenere un ulteriore pacchetto di ammortizzatori sociali per l'azienda fondata nel 1957 da Nino Cerruti, nota tra gli addetti ai lavori per avere lanciato il ready to wear maschile di alta gamma e per avere dato i natali al brand Cerruti 1881 (oltre che per avere cresciuto stilisti del calibro di Giorgio Armani).
Dopo alterne vicende legate alle sorti di Fin.part, conclusesi con il fallimento e la cessione del marchio Cerruti al fondo americano MatlinPatterson (mentre è rimasto in casa il brand Flying Cross), la Hitman di Corsico fa oggi parte di Ats Group, società romana specializzata nella riconversione di siti industriali e strutture aziendali non più competitive. Come anticipato a fashionmagazine.it poco meno di un anno fa, il rilancio parte dalla realizzazione di abbigliamento maschile di alta gamma in un nuovo sito produttivo tecnologicamente avanzato, di oltre 22 mila metri quadrati di superficie, nell'area ex Burgo del comune lombardo. Allora veniva stimato che i primi edifici sarebbero stati pronti per la fine del 2009 e che tutta l'area sarebbe stata operativa entro giugno 2010. Già in occasione della presentazione del progetto, tuttavia, era stato messo in conto un posticipo, per via dei “tempi della burocrazia” (vedi fashionmagazine.it del 4 dicembre 2008).
e.f.
stats