Hong Kong Fashion Week: oltre il 10% di presenze in meno

Diffusi oggi i risultati sulla Hong Kong Fashion Week, la più importante fiera di abbigliamento e accessori della regione asiatica che ha chiuso i battenti a fine della scorsa settimana. Sono state registrate 12.858 presenze, circa il 10% in meno rispetto alla scorsa edizione. Ma sul fronte Sars si apre qualche spiraglio di ottimismo.
Al salone, tenutosi presso l’Hong Kong Convention and Exhibition Centre, hanno partecipato un totale di 517 espositori provenienti da 11 Paesi e regioni.
"L’affluenza dei visitatori è stata comunque maggiore rispetto alle aspettative - ha affermato Benjamin Chau, direttore fiere del Tdc (Trade Development Council) - e dimostra come Hong Kong si stia riprendendo più rapidamente del previsto dall’impatto con la Sars". Il Tdc ha diffuso in questi giorni alcuni dati piuttosto incoraggianti: infatti, da un meeting che si è tenuto nell’ex colonia alla presenza dei portavoce di 33 associazioni commerciali da 17 Paesi emergono anche opportunità di business in un'area comunque nevralgica anche per il tessile. Un accordo stipulato fra Hong Kong e la Cina, il Cepa (Closer Economic Partnership Arrangement) apre infatti nuove possibililtà alle società con sede nell’isola per lo sviluppo di partnership e attività.
Nonostante il momento di crisi del mercato, è risultato particolarmente significativo il numero di buyer provenienti dalla Cina continentale: 2.720, il 30% in più rispetto allo scorso anno. Gli acquirenti arrivati nella ex colonia britannica dai Paesi d’oltremare sono stati invece 2.044.
Nella classifica relativa alle aree di provenienza dei visitatori, si piazzano ai primi dieci posti Cina continentale, Giappone, Stati Uniti, Taiwan, Filippine, Australia, Repubblica della Corea, Singapore, Malesia e Regno Unito.
a.p.
stats