Hong Kong: boom di consumi per il capodanno cinese

Durante il capodanno cinese gli shopping mall di Hong Kong hanno registrato un inaspettato balzo in avanti delle vendite, incoraggiato soprattutto dalle politiche di sconti eccezionali adottate in tutti i centri commerciali della metropoli.
La crisi economica che minaccia ora anche la ex colonia britannica, ha infatti indotto molti retailer a correre subito ai ripari, attirando i consumatori (soprattutto dalla Cina mainland) con iniziative promozionali etremamente vantaggiose.
"A causa del clima di incertezza economica, i consumatori locali stanno diventando sempre più cauti nei propri acquisti e l'unico modo per incoraggiarli a spendere è offrire loro sconti allettanti" dichiara Fiona Chung Sau-lin, deputy general manager del Gruppo Sun Hung Kai Real Estate, proprietario di diversi shopping mall nella città.
"Grazie a questa strategia di promozioni - continua Fiona Chung Sau-lin - i nostri centri commerciali hanno registrato un incremento delle vendite superiore al 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno". Risultati soddisfacenti vengono riportati in tutti i principali shopping mall e department store dell'ex colonia britannica, come Lane Crawford, Elements e Harbour City. Secondo l'Hong Kong Tourism Board, più di 655mila cinesi hanno visitato Hong Kong durante lo scorso break del Capodanno, registrando un incremento di presenzee del 10% rispetto alle analoghe festività del 2008.
c.r.
stats