I buyer a Milano: la moda piace, ma il problema sono i prezzi

I buyer promuovono la moda maschile delle passerelle milanesi, ma la creatività e la portabilità delle collezioni non bastano ad affrontare le difficoltà del momento. I retailer chiedono maggiore collaborazione alle aziende per quanto riguarda il contenimento dei prezzi e dei budget. Gli ordini sono valutati con grande attenzione.
“Abbiamo trovato a Milano interessanti proposte moda, i designer hanno lavorato con grande impegno e creatività per presentare capi in grado di trasmettere forte energia e positività - dice Ron Frasch, presidente e chief merchandising officer di Saks Fifth Avenue a New York -. La sfida maggiore però adesso riguarda i prezzi che, a causa del caro euro, raggiungono spesso livelli insostenibili. La business community sta cercando di calmierarli, ma evidentemente l’operazione non è facile perché tutto ‘lievita’ trainato dal costo del petrolio”.
A fronte dell’aumento dei cartellini di vendita, i compratori dovrebbero, a loro volta, incrementare i budget per assicurarsi gli stessi quantitativi dell’anno precedente: la quasi totalità dei retailer intervistati da fashionmagazine.it intende, invece, spendere la stessa somma della scorsa primavera-estate e, in alcuni casi, ridurla. Di conseguenza nei negozi si vedrà esposta meno merce.
Pochissimi i buyer che parlano di aumenti e, quasi sempre, in relazione all’apertura di nuovi negozi. E questo - val la pena rifletterci - anche nel mercato mediorientale, che beneficia, e non poco, del continuo apprezzamento dell’oro nero.
“Acquisteremo tra il 5 e il 10% in più anche perché in settembre apriremo tre nuovi store a Dubai, nel Qatar e nel Bahrain - dice Majed Al-Sabah, fondatore dell’insegna di empori del lusso Villa Moda -. Sono soddisfatto di ciò che ho visto a Milano: collezioni fresche, piene di colore, con tanti capi all’insegna di un modo di vestire easy e libero, perfetto per la nostra clientela che ama più lo sportswear chic che il formalwear. Centrati anche i tessuti leggeri ed estivi, indicati per il nostro clima”.
e.c.
stats