I jeans Usa nella guerra dei dazi

I jeans e le magliette americane rischiano superdazi di entrata in Europa. Secondo voci circolate a Bruxelles, i prodotti tessili potrebbero, infatti, essere oggetto delle ritorsioni Ue alle misure protezionistiche Usa sull'acciaio.
Si tratta per ora di un'ipotesi, cui peraltro nemmeno in Euratex (l'associazione europea del tessile abbigliamento) sono in grado aggiungere chiarimenti ufficiali. Se la notizia trapelata in questi giorni dovesse essere confermata, jeans e magliette Usa sarebbero soggetti a forti crescite delle tariffe doganali, rientrando tra i prodotti oggetto delle contromosse alle misure annunciate dagli Usa a salvaguardia della propria industria siderurgica in crisi. Le misure statunitensi (dazi fino al 30%) porterebbero a un danno stimato nell'ordine di 2,26 miliardi di euro per la siderurgia europea.
l.t.
stats